“Email campaigns” efficaci, cari Direttori Marketing/Vendite…

Cari amici Direttori Marketing/Vendite, preparare una campagna email per i nostri suspects/prospects/customers è sempre un pochino frustrante, ammettiamolo.

Inviamo migliaia di email sapendo preventivamente che una bella porzione di esse finirà inesorabilmente nei folder di spam dei nostri destinatari. Una porzione ancora maggiore languirà nell’inbox dei suddetti per il tempo necessario ad un veloce Delete (…sottolineato da un leggero grugnito di un suspect/prospect/customer leggermente scocciato…).

E le email che verranno miracolosamente aperte ? Quante di queste – direttamente o indirettamente – contribuiranno al nostra fatturato ?

La madre di tutti i problemi è che le campagne di email sono troppe (le fanno tutti, perfino la pizzeria sotto casa – se abbiamo incautamente fornito il nostro indirizzo con la chiocciola) e che sono tutte uguali (“Eccezionale promozione, il ns. prodotto Pippo scontato del 50%, ma solo per tre giorni !!!“).

Che noia, che ansia – tutti questi punti esclamativi…

Cosa fare per dare un po’ di pepe – cioè di originalità e di carattere – alla nostra prossima campagna ?

Eccovi qualche indicazione in ordine sparso.

1) Smettiamola con i punti esclamativi (!!!).

2) Le email devono essere brevissime (5/8 righe al massimo); devono essere dei ‘teaser’ che incuriosiscono e spingono a cliccare su un link (che porta alla nostra home-page o ancora meglio ad una landing-page fatta ad-hoc per la promozione) al fine di saperne di più.

3) Le email devono possibilmente raccontare una storia, che continua nella email successiva – una sorta di giallo a puntate…

4) Segmentiamo i destinatari in maniera semplice ma furba: pochi segmenti, ma buoni. Ad esempio: maschi/femmine, giovani/maturi/anziani, suspects/prospects/new-customers/old-customers, customers-del-prodotto-Pippo/customers-del-prodotto-Pluto, e così via.

Rendendo il contenuto della email rilevante per ciascun segmento, otterremo (con un po’ di fortuna) un miglior tasso di conversione (cioè un più significativo impatto sul ns. fatturato); a volte è suff. differenziare il subject della email e le prime tre righe, piuttosto che le immagini.

5) Evitiamo di iniziare la email con una immagine, usiamo invece del sano testo: i destinatari che hanno l’email-preview attivo (come me), avranno subito sott’occhio qualche info in più rispetto al solo Subject per decidere se aprire l’email o cestinarla.

Cosa ne pensate, qualche suggerimento ? Qualche punto da aggiungere ?

 Andy Cavallini (andy.cavallini@tin.it)

2 risposte a ““Email campaigns” efficaci, cari Direttori Marketing/Vendite…

  1. Sottoscrivo! tutti accorgimenti corretti (vietati i punti esclamativi! e anche il TUTTO MAIUSCOLO).
    Vorrei inoltre aggiungere alcuni punti:
    – l’oggetto della email non troppo lungo (max 5 parole – 40 caratteri) e nel corpo evitare simboli e parole accentate è à ò ì ma prediligete l’uso del ‘
    – non inserire java, flash, e incorporare il CSS nell’HTML.
    – il tutto non deve pesare più di 60Kb
    – in caso di HTML non superare i 650 px di larghezza
    – usare un background bianco e viceversa mai il carattere bianco, non usare immagini come sfondo, non includere popup
    – in merito allo spam molto dipende anche dai server da cui si spedisce e lascerei perdere quelle email spedide con tutta la propria mailing in CCN, hanno un’altissima % di essere percepite spam/pish, appoggiatevi a piattaforme specifiche per l’email marketing
    – inserire sempre un link per disiscriversi dalla emailing.
    – con una piattaforma adeguata per l’email marketing gestisci le tue liste in modo ottimale: gli “unsubscribe”, i segmenti, e in automatico ogni invio è univoco. Puoi creare campi personalizzati (Ciao Michele, …), puoi monitorare l’invio con statistiche puntuali e verificare chi ha aperto e chi ha cliccato cosa,
    – altri suggerimenti “tecnici” su come costruire l’HTML sul doc online http://www.createsend.it/doc/regole_emailmarketing.pdf

    Michele

  2. Ciao Michele, grazie per le preziose indicazioni – tutte estremamente utili !!!!!!…. 😉
    Consiglio a tutti di dare un’occhiata al PDF che Michele segnala.

    Andy Cavallini (andy.cavallini@tin.it)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...