Digest: su “Il mio primo video-Post” (grazie per avermi dato una mano !)

Ho ricevuto parecchi commenti circa il mio primo video-Post (lo trovate su https://meetingdelleidee.wordpress.com/2011/10/14/il-mio-primo-video-post-datemi-una-mano/) – tutti molto interessanti e costruttivi

…in pratica nessuno mi ha detto “Sentiti pirla !”, ed il mio ego sentitamente ringrazia…

Apprezzamento e gratitudine alle tante persone che mi hanno contattato – siete stati grandi !

Provo a buttare giù una lista di indicazioni, senza elencarle in un particolare ordine – fatene tesoro esattamente come proverò a fare io.

1 –  Crea una relazione “a distanza” con chi guarderà il video; per farlo, dimostrati autenticamente entusiasta ed appassionato circa l’argomento che stai trattando; non vergognarti di sorridere; non cercare di essere troppo ‘professionale’, rischierai di risultare innaturale. Varia di tanto in tanto il tono della tua voce. Sforzati comunque di articolare ciascuna parola in maniera chiara e precisa, staccandola dalla parola successiva (i giornalisti in TV fanno così).

2 – Usa parole semplici e concrete; privilegia la sintesi, arriva subito al dunque. Parla “per frasi”: porzioni di discorso da 10/15 secondi, dotate di soggetto/verbo/oggetto, che esprimono concetti significativi (la telecamera dilata il tempo: 10 secondi in video sembrano un’eternità !). L’intero discorso non dovrebbe durare più di due/tre minuti, possibilmente inframmezzato da immagini, animazioni, ecc. Meglio due video da un minuto e mezzo ciascuno che un video da tre minuti.

3 – Guarda pure in camera, ma tenendo come punto di riferimento un punto pochi centimetri sopra le lente dell’obiettivo (eviterai così l’effetto “occhio-pallato”).

4 – Assumi una posa comoda, che ti permetta di essere sciolto e di respirare senza difficoltà. Evita di indossare colori troppo sgargianti, così come il bianco o il nero; privilegia i toni neutri, pastello. Fai attenzione agli accessori come gioielli ed orologio: sono fonte di riflessi e di rumore (tintinnii, cigolii, ecc.); inoltre distraggono chi guarda il video.

5 – Non metterti troppo vicino alla telecamera, altrimenti il tuo viso sembrerà deformato (il classico “effetto-nasone” delle webcam). Non metterti troppo lontano dalla telecamera, altrimenti ciò che dici non verrà catturato dal microfono incorporato (per ovviare a questo problema, investi in un radio-microfono) – i rumori di fondo (il traffico, il rumore delle onde, un bambino che strilla, ecc.) invece sì !

6 – Non imparare a memoria il tuo discorso, parola per parola, e non leggere. Devi parlare a braccio. Nota importante: parlare a braccio non significa improvvisare; la preparazione di un discorso è fondamentale, devi conoscere l’argomento e devi averlo ripetuto a voce alta davanti allo specchio fino alla noia.

7 – Più luce c’è, meglio è; se è naturale, ancora meglio; se è mattina presto o pomeriggio tardi, ulteriormente meglio (la luce è calda, non abbaglia ed è “orizzontale”, così non proietta antipatiche ombre sotto il naso, sul collo, ecc.).

8 – Ogni tanto – senza esagerare – interrompi e cambia angolo di ripresa e lunghezza focale (il livello di zoom), così eviti l’effetto “telecamera di sorveglianza”.

Cosa ne dite, avete voglia di aggiungere qualcosa (coì arriviamo a 10 e facciamo un decalogo) ?

Grazie ancora per il vostro aiuto,

Andy Cavallini (andy.cavallini@tin.it)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...