Ottalogo: concepimento, nascita, vita, morte e miracoli di un’App Mobile/Digital…

Ecco il frutto (draft 1.0) delle chiacchierate con tanti amici di LinkedIn – essendo un work-in-progress, non esitate a farmi avere i Vs. contributi (…che verranno inseriti nei prossimi draft…).

 1) Valutazione delle Referenze di chi sviluppa (…quando si esternalizza l’implementazione…) –> perché quando si ha a che fare con le Tecnologie – ed a maggior ragione con le Tecnologie IT applicate al Marketing – è meglio non inventare; le competenze non si improvvisano, e la longevità dei fornitori è un fattore da non sottovalutare…

 2) Valutazione e scelta delle Piattaforme: iOS, Android, Windows Phone, Blackberry, ecc. –> equivale, di riflesso, a scegliere “gli interlocutori” a cui ci si desidera rivolgere. Più piattaforme significa più utilizzatori – ma è proprio ciò che vogliamo ? Forse è meglio “pochi ma buoni”… Inoltre più piattaforme implicano maggiore complessità (…e quindi minore prevedibilità per quanto riguarda costi, tempi e rischi…).

Le piattaforme Mobile hanno anime differenti, ciascuna con uno specifico potere di attrattiva nei confronti di target di Mercato diversi…

…iOS, ad esempio, veicola in maniera ottimale gli altri brand in quanto l’utente Apple è più sensibile alla brand-awareness

…l’utente Blackberry è molto spesso un professionista, “attaccatissimo” alle peculiarità di default del telefono e poco incline al download di App…

…e così via…

3) Analisi e definizione dei Requisiti e del Concept –> non bisogna aver paura di chiedere, ascoltare, pensare e proporre – e di saper creare il giusto feeling, la giusta sintonia tra Committente ed Implementatore (interno o esterno che sia); bisogna riuscire a capire (e a far capire) cosa si vuole veramente, per evitare inutili complessità…

…e per riuscire a redigere con successo un Capitolato ed a gestire la Selezione dell’implementatore, quando si esternalizza.

Pro-memoria: l’App ideale:

  • propone contenuti sempre aggiornati, che invogliano l’Utente ad usare frequentemente l’App
  • offre un servizio utile all’Utente, fornendogli dei benefici tangibili
  • permette di raccogliere dati sull’Utente e sul suo behavior

 4) Governo dell’Implementazione –> Il progetto Mobile/Digital deve essere pianificato al meglio e gestito nelle sue fasi – come un qualsiasi progetto IT, no ?

 5) Gestione delle Policy di pubblicazione dei vari Marketplace e dei relativi iter di approvazione –> per evitare brutte sorprese ed antipatiche perdite di tempo.

 6) Integrazione del Mobile/Digital all’interno della Strategia di Marketing/Comunicazione complessiva –> non avere paura di interagire (in Azienda) e provocare (al di fuori dell’Azienda).

 7) Impostazione e realizzazione della Campagna di Lancio dell’iniziativa Mobile/Digital –> …anche (ma non solo) sui Social Networks.

 8) Manutenzione ed evoluzione dell’App nel tempo, considerando i frequenti mutamenti tecnologici tipici del mondo Mobile/Digital –> vista la velocità con cui la tecnologia evolve, è necessario essere in grado di guardare avanti… …e di saper gestire le politiche di upgrade dell’App.

Fine

Bye, Andy Cavallini (andy.cavallini@tin.it)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...